Sclerosi multipla: nuova luce sul ruolo della microglia nella riparazione della mielina

La sclerosi multipla è una malattia neurologica progressiva caratterizzata da infiammazione cronica del tessuto cerebrale e da lesioni alla guaina mielinica che avvolge i prolungamenti nervosi, garantendone l’integrità e consentendo la trasmissione veloce dei segnali. È opinione comune che la microglia, le cellule immunitarie del sistema nervoso, contribuiscano al danno, esercitando un effetto diretto sugli oligodendrociti, le cellule responsabili della produzione di mielina.

Leggi tutto “Sclerosi multipla: nuova luce sul ruolo della microglia nella riparazione della mielina”

Cannabis per le infiammazioni della cute

La canapa indiana (Cannabis sativa L.), nota anche come marijuana, è una pianta dalle innumerevoli proprietà, alcune delle quali impiegate in ambito farmacologico. La canapa iniziò ad essere coltivata in Asia e Medio Oriente grazie al suo impiego in campo tessile, mentre in Europa la sua coltivazione si diffuse intorno al XVIII secolo, con una produzione commerciale consistente. Per secoli la fibra di canapa è stata la materia prima per la produzione di carta, mentre in Italia ha avuto un ruolo fondamentale durante le repubbliche marinare per la fabbricazione di corde e vele per l’industria navale. Dalle coltivazioni di canapa si otteneva olio (dalla spremitura dei semi) e mangime per il bestiame.

Leggi tutto “Cannabis per le infiammazioni della cute”

Solo il tempo guarisce tutte le ferite? Dall’alveare arriva un nuovo alleato

Si dice che il tempo guarisca tutte le ferite. Al di là della saggezza popolare, il tempo gioca sicuramente un ruolo fondamentale, ma esistono prodotti di origine naturale, ambito di studio della Farmacognosia, che possono aiutare a raggiungere più rapidamente una miglior guarigione. Uno di questi è la propoli.

Propoli: sostanza resinosa elaborata a partire da resine ed essudati vegetali mescolati con cere ed enzimi (immagine gentilmente concessa da 3Bee)
Leggi tutto “Solo il tempo guarisce tutte le ferite? Dall’alveare arriva un nuovo alleato”

Citrus bergamia, oro verde della Calabria

Oggi vi parlo dei possibili effetti benefici di un agrume che appartiene alla mia terra d’origine: il bergamotto.

Il bergamotto è un agrume che cresce nel sud della Calabria, tra il territorio della Locride e Reggio. Il suo nome deriva da una parola turca che significa “pera” per via della forma simile a questo frutto. Il bergamotto è anche definito “oro verde” per le sue straordinarie proprietà utilizzate nelle industrie dei profumi ed in farmaceutica.

Leggi tutto “Citrus bergamia, oro verde della Calabria”

Radice di bardana per le infiammazioni della pelle

La bardana maggiore (Arctium lappa L.) è un’erba medicinale appartenente alla famiglia delle Asteraceae e in particolare il termine Arctium, in greco “orso”, fa riferimento al caratteristico aspetto ispido di questa pianta.

La droga, descritta nella Farmacopea francese, è costituita dalle radici essiccate, intere o tagliate, impiegate come tintura, olio, estratto o decotto. La pianta, usata in Cina, Europa, Nord America e Asia da diverse centinaia di anni, trova impiego tradizionale come agente diuretico oppure per il trattamento di gotta, reumatismi e diverse condizioni dermatologiche.

Leggi tutto “Radice di bardana per le infiammazioni della pelle”

La castagna, un frutto antico verso nuove applicazioni

Il castagno (Castanea sativa Mill.) è una pianta antica, presente nella zona mediterranea fin dai tempi preistorici. Nel periodo antecedente alla scoperta dell’America, prima dell’importazione di patate e mais, le castagne costituivano una fonte alimentare essenziale, tanto che la pianta veniva definita “l’albero del pane” e i suoi frutti erano una presenza frequente nell’alimentazione delle famiglie contadine. Tra le varie modalità di consumo, già in passato si realizzava una farina come base per la preparazione di dolci, minestre, marmellate e creme, utili per sopperire alla fame nei momenti difficili.

Leggi tutto “La castagna, un frutto antico verso nuove applicazioni”

Dolore infiammatorio trigeminale e nutraceutica: gli effetti protettivi del mais rosso

Il nervo trigemino è coinvolto in diverse condizioni dolorose molto diffuse e invalidanti, tra cui la nevralgia del trigemino e l’emicrania. In queste malattie, il dolore si manifesta come fenomeno cronico che può durare per parecchi mesi ed è caratterizzato da attacchi ricorrenti che peggiorano la qualità della vita dei pazienti. I trattamenti farmacologici attualmente disponibili prevedono sia approcci utili durante la presenza del dolore acuto sia preventivi, entrambi i quali non sempre risultano efficaci e possono dare origine a numerosi effetti collaterali. Per questo motivo diventa sempre più importante la ricerca di nuovi possibili interventi terapeutici.

Leggi tutto “Dolore infiammatorio trigeminale e nutraceutica: gli effetti protettivi del mais rosso”

Foglie di vite rossa per le patologie infiammatorie della cute – psoriasi e dermatite

Ancora oggi, in alcuni casi, per il trattamento delle infiammazioni della cute si ricorre all’uso di preparati vegetali applicati direttamente sulla zona lesionata, esattamente come in tempi antichi. Il trattamento topico di disturbi cutanei è generalmente preferito, poiché può evitare effetti sistemici e può essere sufficiente a migliorare o a risolvere un disturbo. Questa applicazione, sebbene semplificata dal facile accesso, può presentare, tuttavia, alcune problematiche, come le infezioni provocate dall’uso di materiale vegetale non sterile o altri effetti collaterali. La letteratura scientifica è molto più ricca di segnalazioni di reazioni dermatologiche avverse, per l’uso di prodotti naturali, rispetto a studi clinici che ne dimostrino l’efficacia. Tuttavia, la ricerca scientifica moderna cerca di colmare questa lacuna dimostrando non solo la sicurezza, ma anche i benefici di certi preparati.

Leggi tutto “Foglie di vite rossa per le patologie infiammatorie della cute – psoriasi e dermatite”

Rapporto uomo e natura: cosa dobbiamo chiedere alla scienza?

Prima di raccontarvi di alcune nuove scoperte sul ruolo che un’antichissima pianta come il castagno potrebbe ricoprire per la nostra salute, vorrei condividere una breve riflessione personale sull’importanza della ricerca.

Leggi tutto “Rapporto uomo e natura: cosa dobbiamo chiedere alla scienza?”

I macrofagi nel morbo di Parkinson: un nuovo target terapeutico?

Sono Federica Mornata e, dopo la laurea in Farmacia nel 2016 ed uno stage in un centro di ricerca di un’importante azienda farmaceutica italiana, attualmente sono al termine del primo anno di Dottorato in Scienze Farmacologiche, Sperimentali e Cliniche presso il DiSFeB. Prima di iniziare a raccontarvi del mio progetto di ricerca vorrei invitarvi a pensare a quante persone conoscete direttamente o indirettamente che combattono con la malattia di Parkinson. Questa patologia infatti è la seconda malattia neurodegenerativa al mondo per incidenza ed è caratterizzata dalla perdita selettiva di neuroni preposti al controllo dei movimenti, determinando sintomi motori quali tremore a riposo, rigidità e bradicinesia (lentezza dei movimenti automatici).

Leggi tutto “I macrofagi nel morbo di Parkinson: un nuovo target terapeutico?”