Differenze di sesso nei fattori associati all’aderenza alla terapia con statine

Sono Elena Olmastroni, dottoranda iscritta al terzo anno del corso in Scienze Farmacologiche Biomolecolari, Sperimentali e Cliniche, e svolgo la mia attività di ricerca presso il Servizio di Epidemiologia e Farmacologia Preventiva (SEFAP) dell’Università degli Studi di Milano. Tra i principali obiettivi del SEFAP vi è la promozione e lo svolgimento di attività di ricerca nel campo della farmacoutilizzazione (studio del profilo di utilizzo dei farmaci e appropriatezza prescrittiva), della farmacoepidemiologia e della farmacovigilanza.

Leggi tutto “Differenze di sesso nei fattori associati all’aderenza alla terapia con statine”

Meta-analisi: il vertice della piramide dell’evidenza scientifica

Sono Elena Olmastroni, dottoranda iscritta al secondo anno di Scienze Farmacologiche Biomolecolari, Sperimentali e Cliniche. Svolgo la mia attività di ricerca presso il Servizio di epidemiologia e farmacologia preventiva (SEFAP) dell’Università degli Studi di Milano dove, oltre che portare avanti il mio progetto di dottorato, mi occupo di epidemiologia, ovvero di studiare la distribuzione, la diffusione e la frequenza delle malattie e di altre condizioni di salute nella popolazione, attraverso la progettazione di indagini statistiche. Tra le varie mansioni, spesso mi sono occupata della conduzione di meta-analisi.

Leggi tutto “Meta-analisi: il vertice della piramide dell’evidenza scientifica”

Nuove opportunità per la comprensione delle malattie cardiovascolari

Mi chiamo Elena Olmastroni, ho una laurea magistrale in Biostatistica e sono iscritta al primo anno di dottorato in Scienze farmacologiche biomolecolari, sperimentali e cliniche del DiSFeB. Attualmente svolgo la mia attività di ricerca presso il Servizio di epidemiologia e farmacologia preventiva (SEFAP), diretto da Alberico L. Catapano.

La genetica umana e la genetica statistica sono passate da settori relativamente oscuri a quelli tra i più entusiasmanti e discussi della scienza moderna. Questo perché nel tempo l’epidemiologia genetica, che studia i fattori genetici e la loro interazione con i fattori ambientali nella frequenza di malattie, è diventata un utile supporto all’epidemiologia osservazionale, che studia le caratteristiche delle malattie (frequenza, andamento, ecc.) a livello di popolazione, per comprendere gli aspetti ereditari delle patologie e la predisposizione individuale a queste, soprattutto in un’ottica di “cura personalizzata”.

Leggi tutto “Nuove opportunità per la comprensione delle malattie cardiovascolari”