Dolore e Fragilità: un connubbio inseparabile?

La fragilità è la tendenza di alcuni materiali a deteriorarsi senza che vengano precedentemente deformati.

Tale definizione può essere estesa anche all’uomo, ed in particolare all’anziano. Ogni persona infatti è un soggetto complesso composto da varie dimensioni. Con l’invecchiamento si assiste ad una progressiva riduzione delle riserve funzionali che espongono l’individuo ad un’aumentata condizione di vulnerabilità, questo negli ultimi anni ha portato ad elaborare il concetto di fragilità.

Leggi tutto “Dolore e Fragilità: un connubbio inseparabile?”

Helicobacter pylori e gastrite, dove siamo arrivati

Per molto tempo si è creduto non fosse possibile che un batterio potesse colonizzare lo stomaco, un ambiente così acido da non permettere la sopravvivenza di alcuna forma vivente. Eppure, per almeno 50.000 anni, gli esseri umani hanno convissuto con un batterio microaerofilo, Gram negativo, capace di causare una gastrite cronica che può evolvere a ulcera e adenocarcinoma gastrico: Helicobacter pylori.

Leggi tutto “Helicobacter pylori e gastrite, dove siamo arrivati”

Efficacia della terapia anti-PCSK9 nella prevenzione cardiovascolare nei soggetti diabetici

Come già discusso in un post precedente, il diabete mellito di tipo II si associa a un aumentato rischio cardiovascolare, con quasi il doppio di probabilità di sviluppare, rispetto ai non diabetici, una condizione di insufficiente apporto di sangue e ossigeno al cuore1. Indipendentemente dalla prescrizione di farmaci ipoglicemizzanti, nei diabetici, uno dei principali obiettivi terapeutici per ridurre il rischio cardiovascolare è rappresentato dalla riduzione della colesterolemia LDL2.

Leggi tutto “Efficacia della terapia anti-PCSK9 nella prevenzione cardiovascolare nei soggetti diabetici”

Se penso al mirto immagino…

Il Mirto è uno degli amari più apprezzati dagli italiani, specialmente se gustato gelido, al tramonto di una giornata estiva di vacanza nella meravigliosa Sardegna. Le bacche di mirto (Myrtus communis L.) sono responsabili del colore unico rubino-violaceo nella versione “mirto rosso”, mentre foglie e rametti sono generalmente utilizzate per la produzione del più delicato “mirto bianco”.

Leggi tutto “Se penso al mirto immagino…”