Dalla pianta al preparato fitoterapico

La fitoterapia è la disciplina medica che consente un corretto uso a scopo preventivo o curativo di piante medicinali e loro derivati. Questa disciplina segue il medesimo approccio scientifico su cui si fonda la medicina e, in tempi recenti, è stata oggetto di un rinnovato interesse, nonostante i progressi raggiunti con i farmaci di sintesi chimica.

Parte di questo successo è dovuto alle numerose ricerche, precliniche e cliniche, che hanno potuto confermare molte proprietà farmacologiche, individuando anche i principi attivi responsabili dell’azione terapeutica.

In questo post affronteremo tre concetti importanti per la preparazione di un prodotto di origine vegetale, purtroppo a volte ancora trascurati: la conservazione, l’estrazione e la standardizzazione.

Come anticipato in un precedente post, i fattori che influenzano la presenza di principi attivi (le molecole responsabili dell’attività biologica) sono numerosi; questi possono dividersi tra fattori intrinseci, legati al patrimonio genetico della pianta stessa, e fattori estrinseci, come le variabili ambientali e di conservazione. Una cattiva conservazione delle droghe vegetali può essere responsabile di fenomeni di contaminazione batterica o fungina, oppure comportare un deperimento dei principi attivi stessi. Le tecniche più utilizzate al fine di ridurre al minimo le alterazioni sono: la protezione da fonti di luce e calore, l’essiccamento, la liofilizzazione, il congelamento, le inibizioni enzimatiche, fino alla sterilizzazione delle droghe.

La pianta, per essere usata in campo fitoterapico, subisce nella maggior parte dei casi un processo di estrazione, attraverso una serie di interventi più o meno complessi, con lo scopo di recuperare dalla matrice vegetale i principi attivi necessari per esercitare una certa attività farmacologica.

Se è più facile immaginare che i principi attivi possano essere concentrati in una specifica parte della pianta, quali foglie, tessuti e radici, è meno chiaro che partendo dalla stessa matrice è possibile con tecniche di estrazione differenti recuperare sostanze diverse e quindi avere attività biologiche differenti da quelle attese.

Il processo di estrazione, ad esempio, è un passaggio fondamentale della produzione industriale di preparati vegetali e richiede una dettagliata analisi delle condizioni migliori per ciascuno dei prodotti utilizzati. La droga, cioè la parte della pianta contenente i principi attivi, è messa a contatto con il solvente, con le tempistiche più adeguate in relazione al tipo di molecole che si desidera estrarre dalla pianta. Differenti metodi di estrazione forniscono estratti con diversa composizione e conseguente attività, così come differenti effetti indesiderati potenziali.

I principi attivi di una pianta, per i vari fattori che abbiamo discusso, sono soggetti a variabilità ed è qui che entra in gioco il concetto di standardizzazione. Ogni molecola dotata di un’attività biologica ha bisogno di raggiungere una certa concentrazione per dare il proprio effetto; la standardizzazione è un requisito dell’estratto, che secondo analisi chimiche quantitative, stabilisce il contenuto minimo di uno o più composti attivi nel lotto analizzato in modo da garantirne l’effetto per le dosi consigliate.

Conservazione, estrazione e standardizzazione sono quindi aspetti fondamentali per la realizzazione di preparati vegetali, per garantirne non solo efficacia ma anche sicurezza d’uso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.